18 luglio 2020, Gotti: rosa azzurra di alto livello PDF Stampa E-mail

 Una big tira l’altra e così dopo la Lazio, l’Udinese sfiderà, domani, il Napoli. “I campani sono un’ottima compagine, di grande qualità non solo negli undici iniziali – afferma l’allenatore Luca Gotti – Ha una rosa di altissimo livello che a me è sempre piaciuta molto. Anche prima del lockdown aveva trovato il giusto equilibrio tra la qualità della fase offensiva e quella difensiva fatta coralmente. E’ una formazione complicata da affrontare e noi cercheremo di mettere in campo tutte le nostre armi”. Come hanno fatto recentemente contro la Lazio (0–0 alla Dacia Arena) e la Roma (0–2 all’Olimpico). “Non c’è nulla di scontato in questo torneo – avverte – Tutti si stanno rendendo conto, non solo per i risultati nostri ma anche per quelli altrui, che la teoria è spesso sovvertita dalla pratica. Era difficile prevedere una nostra vittoria contro i giallorossi ed il punto contro i biancocelesti che sono in lotta per lo scudetto. In ogni gara ci sono insidie ed incognite legate alle energie fisiche e mentali spese in questi incontri ravvicinati”. Recuperare non è semplice il turn over è fondamentale, ma è difficile da attuare quando hai elementi infortunati (Mandragora, Jajalo, Teodorcyzk) e squalificati (Okaka). “Mentre stiamo parlando due sono a Roma per una visita medica – rivela – Per il secondo parrebbe trattarsi non di un infortunio gravissimo ma credo che il campionato sia, comunque, finito anche per lui. Per il terzo aspettiamo delle buone notizie ma non sappiamo altro. Date queste assenze ho a disposizione 14 calciatori della prima squadra e tanti ragazzi della primavera. Nelle prossime ore farò delle valutazioni generali, cercando di capire che direzione potrà prendere la partita”. Le 5 sostituzioni consentono di cambiarne il corso, ma scegliere bene i primi 11 e le 12 riserve è fondamentale soprattutto quando hai numerosi difensori e poche punte.

 

Valid XHTML and CSS.